prossimo incontro

sabato
 
24 novembre 2013
ore 20,30
 
Napoli Stadio San Paolo

classifica

 
Roma 32
Juventus 31
Napoli 28
Inter 25
Fiorentina 24
Verona 22
Genoa 17
Lazio 16
Atalanta 16
Milan 13
Parma 13
Udinese 13
Cagliari 13
Torino 12
Livorno 12
Bologna 10
Sassuolo 10
Sampdoria 9
Catania 9
Chievo 6

Serie A 2013-2014

probabili formazioni

27 ottobre 2012
Napoli Club

  

Napoli-Chievo, le probabili formazioni: tornano i titolari, dubbi in attacco per Corini

Walter Mazzarri riproporrà la formazione titolare vista a Torino contro la Juventus.
 
 
9napchi

Walter Mazzarri riproporrà la formazione titolare vista a Torino contro la Juventus. Davanti a De Sanctis linea difensiva con Campagnaro, Cannavaro e Gamberini, unico suprstite della squadra vista in Ucraina col Dnipro. A centrocampo Maggio e Zuniga sugli esterni con Behrami - in dubbio ma alla fine dovrebbe recuperare - Inler ed Hamsik al centro. In attacco Pandev in supporto a Cavani.

Eugenio Corini recupera all'ultimo Marco Rigoni, che però non dovrebbe partire titolare, mentre sono certe le indisponibilità di Squizzi, Paloschi e Sardo. Nel 4-3-3 offensivo dei gialloblù linea difensiva con Dainelli ed Andreolli al centro, Frey a destra e Dramè a sinistra. A centrocampo Guana, Rigoni ed Hetemaj. In attacco Luciano e Thereau in supporto a Pellissier ma non è da escludere la presenza di Di Michele o Stoian.

NAPOLI (3-5-1-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Gamberini; Maggio, Behrami, Inler, Hamsik, Zuniga; Pandev; Cavani. A disposizione: Rosati, Grava, Fernandez, Aronica, Britos, Mesto, Dzemaili, Donadel, El Kaddouri, Dossena, Insigne, Vargas. All: Mazzarri.

CHIEVO (4-3-3): Sorrentino; Frey, Dainelli, Andreolli, Dramé; Guana, L. Rigoni, Hetemaj; Luciano, Thereau, Pellissier. A disposizione: Puggioni, Viotti, Jokic, Farkas, Papp, Vacek, Cruzado, M. Rigoni, Moscardelli, Samassa, Stoian, Di Michele. All: Corini.

Mazzarri: 'I numeri parlano per noi...'

27 ottobre 2012
Napoli Club
Mazzarri: 'I numeri parlano per noi...'
Queste le parole in conferenza stampa di Walter Mazzarri, tecnico del Napoli, prima della gara di campionato contro il Chievo in programma domani al San Paolo: "I deferimenti di Cannavaro e Grava? Prima di tutto voglio dire che ho fiducia nella Giustizia Sportiva e credo in Paolo e Gianluca. Sicuramente loro due daranno il loro contributo se li chiamerò in causa. Paolo sicuramente ci sarà.

Rallentare la corsa del Napoli? Il Napoli in questa situazione è parte lesa. Non credo nelle penalizzazioni.

Le sconfitte contro Juventus e Dnipro? Adesso voglio parlare solo del campionato e dico che contro i bianconeri abbiamo fatto una grande prestazione anche rispetto al recente passato. Il risultato ci ha dato torto, ma la sconfitta è arrivata. Sono convinto che domani i ragazzi daranno l'anima per superare il Chievo che è la nostra bestia nera. Dopo l'arrivo di Corini la squadra sta bene e penso solo a questo.

La reazione dei tifosi? Non credo si possa strumentalizzare la reazione dei tifosi che hanno seguito la squadra in Europa League dopo una sconfitta e soprattuto dopo una trasferta di migliaia di chilometri. Anzi, faccio un appello per domani. Anche se il Chievo non è un club di blasone avremo bisogno del nostro pubblico per tutta la partita.

La formazione? Non dico niente. Lo vedrete domani.

La condizione fisica della squadra? Non so come imposterà la partita il Chievo. Potrebbero venire anche a giocarsela com'è già accaduto con altri formazioni. Noi ci prepareremo ad ogni atteggiamento. Servirà grande attenzione in fase difensiva, una base di partenza che ci servirà a prescindere.

Feeling con Bigon sul mercato? Credo che da quando io e Riccardo siamo arrivati al Napoli pochissime società hanno fatto meglio di noi in Europa, compresi i grandi club. Siamo una delle società più sane d'Europa e questo in coincidenza con un risultati tecnici importanti. Siamo in Europa da tre anni consecutivi, una cosa che non capitava da tempo immemore. Questi sono i numeri... Chi vuol capire capisca".

La condizione di Maggio, Dossena e Mesto? Mesto sta bene anche se è stato impiegato poco. Dossena può fare di più, è vero. Forse ha subito un po' il contraccolpo del sorpasso nelle gerarchie da Zuniga. Forse dobbiamo tirarlo un po' su. Maggio ha avuto delle prestazioni su un livello un po' più basso, ma ha avuto anche gare più difficili e gli impegni con la Nazionale. Detto questo Maggio non si discute.

Mazzarri con la valigia in mano? Siamo allenatori, è normale avere la valigia in mano. Se un presidente ti caccia devi cambiare... Denigratori? Starò antipatico a qualcuno.

Behrami? Ha giocato molto con noi e con la Svizzera. Spero di recuperarlo. Farà un provino oggi e domani mattina.

Carenza sulle palle inattive? Quest'anno abbiamo sofferto meno rispetto allo scorso anno, ma le ultime partite dicono questo. I numeri parlano chiaro: siamo la seconda miglior difesa del campionato. Tmw.
 
 

Bigon pensa a Gomez e Centurion

26 ottobre 2012
Napoli Club

Bigon pensa a Gomez e Centurion. Ecco la strategia per arrivare ai due argentini

   
   

Dimmi da dove vieni e ti dirò chi sei. San Lorenzo, di nuovo, perchè forse nascon tutti là: bentornati in Argentina, tanto per gradire, la terra in cui dall'erba germogliano i talenti, scugnizzi ritrovatisi laggiù per caso e però con la voglia matta di scoprire Napoli, la Patria di Diego. Ezequiel Lavezzi, tanto per non andare troppo in là negli archivi, arrivò dal San Lorenzo, anno di grazia 2007, cinque milioni di euro o poco più e affare fatto. E' andata come ricorderete e però intanto la nuova generazione s'è portata un po' di lavoro avanti e Alejandro Dario Gomez (24), all'epoca un debuttante e però da tre stagioni in Italia, a Catania ha cominciato a far le prove generali per imporsi: ovviamente, arriva pure lui dal San Lorenzo; naturalmente, è un genietto imprevedibile, tutto finte e guizzi, fisico da scattista, dribblomane dentro, uno di quelli che dall'Etna al Vesuvio è capace di infiammare le folli.

UN VULCANO - La prima missione è stata compiuta, la seconda appartiene al ventaglio delle ipotesi da concedere in dote al destino, che intanto comincia ad essere solleticato: Gomez ha l'identikit ideale per rientrare tra gli obiettivi d'una squadra che ha nel proprio Dna il rinnovamento mirato. Per ora è soltanto una semplice e però splendida idea, da coltivare con cautela, senza sprecarsi più di tanto, senza alimentare aste, senza scatenare dibattiti, standosene in tribuna quando gioca il Catania, oppure anche dinnanzi alla tv, ad osservare attentamente l'evoluzione di quel diavoletto che nel vecchio, caro Cibali, un mesetto fa, per poco non trovava una clamorosa soluzione proprio allo scadere. Finì 0-0 perchè il palo gli disse di no.

OH, SUD AMERICA - Ma guai sospettare che sia finita qua, perchè mentre gli appassionati del calcio s'industriano giustamente nelle proprie (quotidiane) faccende, Riccardo Bigon e gli osservatori sono affaccendati in altre vicende: la prima delle quali riguarda – e ormai da un po' – Ricardo Centurion (19), il De Maria "de noantri" direbbero qui. Ha classe, ha margini di miglioramento, ma bisogna intendersi sul prezzo e sulle modalità d'acquisto, da determinare verso la fine del 2012 ed in previsione di gennaio: in quei giorni tutto sarà più chiaro, anche l'impegno settimanale del Napoli, pure le sue eventuali esigenze; e comunque, vista l'età, la soluzione più ispirata conduce a chiudere l'affare in fretta ed a lasciare il giovanotto in prestito nel Racing Avellaneda. E' l'Argentina la frontiera preferita del Napoli, che non ha mai smesso di interessarsi a Bruno Zuculini (19), mediano con i piedi buoni che ha già un rilevante curriculum alle spalle e che rientra, per caratteristiche, tra i modelli di centrocampisti che piacciono a Mazzarri: Micheli & Mantovani, la coppia di 007 in servizio perenne, esplora. E intanto le informazioni sul data base vengono aggiornate, affiancate da quelle di Luciano Dario Vietto (18) altro baby da monitorare ad oltranza, affinchè si intuisca dove possa arrivare. E nel Maribor, invece, c'è lo sloveno Robert Beric (21) attaccante ritenuto di grandi potenzialità.

MADE IN ITALY - Poi è chiaro che non verranno acquistati tutti, altrimenti sai il caos: e però servono gli input giusti e relazioni sempre abbondanti. Riccardo Bigon s'è mosso in prima persona per andare a vedere (di nuovo) Alessandro De Vitis (20) centrocampista del Padova assistito da una discreta ispirazione: prima di sbilanciarsi, inevitabilmente, servirà valutarne, in prospettiva, le possibilità di crescita.

 

Avv. Chiacchio: “Purtroppo la situazione è grave

26 ottobre 2012
Napoli Club

Avv. Chiacchio: “Purtroppo la situazione è grave. Per Grava e Cannavaro si profilano 4 mesi di stop ed un punto di penalizzazione per il Napoli”


 

L’avvocato Eduardo Chiacchio è intervenuto ai microfoni di Radio Goal: ”Alla luce dei deferimenti odierni Cannavaro e Grava rischiano una squalifica per omessa denuncia. In caso di condanna, la pena per i due giocatori sarebbe di 4 mesi. Più grave il discorso che riguarda la società Calcio Napoli, che verrà quasi sicuramente punito con un punto di penalizzazione.

 

Strategie? Si potrebbe far leva sul fatto che il risultato all’epoca danneggiò il Calcio Napoli, ma per il momento non c’è ancora nulla di concreto”.

13 ^ giornata

 
Bologna-Inter
Livorno-Juventus
Milan-Genoa
Napoli-Parma
Roma-Cagliari
Sampdoria-Lazio
Sassuolo-Atalanta
Torino-Catania
Udinese-Fiorentina
Verona-Chievo

Edicola

                              
 
 
 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy