prossimo incontro

sabato
 
24 novembre 2013
ore 20,30
 
Napoli Stadio San Paolo

classifica

 
Roma 32
Juventus 31
Napoli 28
Inter 25
Fiorentina 24
Verona 22
Genoa 17
Lazio 16
Atalanta 16
Milan 13
Parma 13
Udinese 13
Cagliari 13
Torino 12
Livorno 12
Bologna 10
Sassuolo 10
Sampdoria 9
Catania 9
Chievo 6

Serie A 2013-2014

l'Uefa chiude il San Paolo per il Psv

15 novembre 2012
Napoli Club

Gli appelli del Napoli caduti nel vuoto, ora il club pagherà: l'Uefa chiude il San Paolo per il Psv?

La decisione dell'organismo disciplinare internazionale è attesa a giorni, ma è concreta la preoccupazione che la decisiva partita contro il Psv Eindhoven possa disputarsi a porte chiuse
 
L'Uefa aveva avvisato il Napoli: se nella gara con il Dnipro si fossero verificate ancora alcune criticità al San Paolo, sarebbe scattata la squalifica. Che ora, sembra davvero vicina, come riportato da Il Mattino oggi in edicola: Il Napoli rischia di giocare a porte chiuse l’ultima e decisiva gara del girone di qualificazione di Europa League contro il Psv Eindhoven, in programma al San Paolo il prossimo 6 Dicembre. La Commissione Disciplinare e di Controllo dell’Uefa, così come era già accaduto prima della partita con il Dnipro, potrebbe avviare un procedimento nei confronti della società azzurra a seguito del comportamento tenuto dai suoi tifosi proprio in occasione della gara disputata contro gli ucraini lo scorso 8 novembre (reiterata introduzione ed accensione di fumogeni, ed occupazione indebita delle scale di fuga), e per aver nuovamente constatato la presenza di alcuni intonaci pericolanti in alcuni settori del San Paolo. Puntigliosi e inesorabili i delegati Uefa nello stilare i rapporti dopo la gara con il Dnipro.
Nel precedente provvedimento dello scorso 26 ottobre nei confronti del Napoli, oltre a comminare una multa di 150.000 euro, l’Uefa aveva anche imposto di giocare una gara a porte chiuse. Questa decisione è stata però appellata dal Napoli attraverso il proprio legale di fiducia avvocato Mattia Grassani, e sarà discussa alla Commissione d’Appello dell’Uefa, nei prossimi giorni. La sanzione accessoria di giocare una partita a porte chiuse è stata sospesa, e soggetta a un periodo di prova di cinque anni, grazie al decisivo e immediato intervento del Napoli, che in pochi giorni, e a proprie spese, era riuscito a eliminare i rischi derivanti dagli intonaci pericolanti dell’impianto, e a ottenere dall’Uefa in extremis l’autorizzazione ad aprire tutti i varchi d’ingresso del San Paolo per giocare contro il Dnipro.
Potrebbero essere dunque risultati vani i tentativi e gli accorati appelli rivolti ai tifosi azzurri nell’immediata vigilia della gara con il Dnipro, da parte dell’Head of Operations Sales & Marketing del Napoli Alessandro Formisano, che attraverso un comunicato sul sito della società, aveva sottolineato a quali rischi sarebbe andato incontro il Napoli se il comportamento del pubblico non fosse stato consono alle rigide e intransigenti disposizioni Uefa. La decisione dell’organismo disciplinare internazionale è attesa a giorni, ma è concreta la preoccupazione che la decisiva partita per la qualificazione ai sedicesimi di finale di Europa League contro il Psv Eindhoven possa disputarsi a porte chiuse.

Verratti era del Napoli,

15 novembre 2012
Napoli Club

IL RETROSCENA

L'agente di Verratti svela: "Marco era del Napoli, ma abbiamo preferito il Psg"


Il procuratore di Marco Verratti, Donato Di Campli, è intervenuto sulle frequenze di Radio Kiss Kiss Napoli rilasciando alcune dichiarazioni evidenziato da "Napoli Magazine": "Il Napoli aveva acquistato il cartellino di Marco dal Pescara, però noi abbiamo fatto delle valutazioni ed abbiamo scelto il Psg. Il Napoli con Bigon l'aveva preso, poi è stata una scelta nostra non accettare, ma non per mancanza di rispetto della società partenopea, ma solo perchè il Napoli su Marco aveva un progetto a lungo termine visto che dopo l'acquisto del cartellino voleva girarlo in prestito allo stesso Pescara. Quindi la scelta di non venire a Napoli è stata dettata anche da questo tipo di valutazioni. Facciamo degli esempi: i vari Insigne, Destro, Immobile trovano pochissimo spazio, forse un po' di più Ciro che gioca con maggiore continuità, però ci sono degli allenatori che preferiscono affidarsi di più all'usato sicuro anzicchè lanciare i giovani. Ed io non sono assolutamente d'accordo con questo tipo di atteggiamento. Se a giugno Marco preferisce partecipare alle finali dell'Under21 o alla Confederation Cup? Il ragazzo deve sottostare alle scelte della Federazione e rispettarle fino in fondo. Se la scelta dovesse dipendere da me farei giocare tutti i migliori talenti giovani per vincere l'Europeo. Compresi i vari Balotelli, Destro e compagnia bella. L'Italia ha dei giocatori delle classi 1990, 1991 e 1992 strepitosi e quindi se fossi nei panni del presidente Abete obbligherei a far giocare tutti i più forti nella fase finale degli Europei dando la possibilità a Mangia di provare a vincere il torneo. Marco chiaramente deve sottostare alle decisioni dei tecnici però secondo me è giusto che la Federazione punti tutto sugli Europei".

 

un solo antidoto da usare

15 novembre 2012
Napoli Club

 

 

Contro il Diavolo ferito c'è un solo antidoto da usare

Il San Paolo per amico. Sabato sera servirà il solito apporto del pubblico di Fuorigrotta per permettere al Napoli di battere anche il Milan e spiccare definitivamente il volo. Da quando si è tornati in serie A, il Diavolo ha sempre sofferto lo stadio partenopeo. La presenza dei tifosi è stata incredibilmente massiccia, il confronto con i rossoneri è il più amato dai napoletani. Prima dell’avvento di De Laurentiis, il tutto esaurito si registrava soprattutto con la Juventus. Dalla stagione 2007-2008, invece, la squadra di Berlusconi è quella che attira più gente sugli spalti. Naturalmente gli avversari meneghini ne risentono molto visto che in cinque appuntamenti hanno incassato una vittoria, due sconfitte e due pareggi. I NUMERI. Tra presenze ed incassi, Napoli-Milan non ha eguali in confronto ad altri big-match di serie A. Nel torneo 2008-2009 addirittura si registrarono 67.996 spettatori al San Paolo. Un numero esagerato che fece incassare al club partenopeo 1.167.419. Quella partita finì 0-0. Il dato da evidenziare è che non si è mai scesi sotto i cinquantamila. L’anno scorso, quando Cavani si scatenò con una tripletta dopo il gol iniziale di Aquilani, sugli spalti si contarono 51.025. Il numero più basso di tutti i precedenti della massima serie contro i rossoneri. Nel 2007-2008, infatti, a Fuorigrotta accorsero 55.874 persone, ben 55.709 fan nel 2009-2010, 53.909 nel 2010-2011. Complessivamente sono sati ben 274mila gli spettatori del match contro il Diavolo in cinque campionati.




TUTTI ALLO STADIO. L’appello per sabato sera è arrivato da Paolo Cannavaro. Il capitano ha chiamato tutti i napoletani a rapporto: «Come si fa a vedere questo Napoli in televisione, meglio supportarlo dagli spalti», ha detto il difensore ai microfoni di Radio Marte. La squadra azzurra ha bisogno del massimo apporto della sua gente per poter dare continuità agli ottimi risultati arrivati contro Dnipro e Genoa. È in casa che si costruiscono i successi ed è per questo che il Milan dovrà essere messo sotto pressione da almeno cinquantamila spettatori. Fino ad oggi non si è mai riusciti a superare i quarantamila, sia in campionato che in Europa League. Eppure De Laurentiis ha adottato una politica dei prezzi molto bassa. A farla da padrone è stata la crisi e in tanti hanno preferito restare a casa. Stavolta, però, c’è l’impressione che il San Paolo darà un bel colpo d’occhio. I napoletani non si faranno pregare, andranno allo stadio per poter vedere perdere nuovamente il Milan.


LA TRIPLETTA DI CAVANI. Negli occhi dei tifosi partenopei ci sono ancora le scene dello splendido successo dello scorso torneo. Quando Aquilani sbloccò subito il risultato si pensava che potesse essere una serata da dimenticare. Invece, fu una notte da ricordare poiché si scatenò il Matador che prima pareggiò, poi siglò il gol del vantaggio e nella ripresa chiuse i conti con la terza rete. L’attaccante è in un momento di forma strepitoso. Più gioca e più segna ed è per questo che sabato sera vuole scatenarsi contro il Diavolo. È diventata la sua vittima preferita. Adesso, poi, che è diventato uno dei leader della squadra è ancora più carico per cercare di vincere sempre. Domenica scorsa a Marassi, dopo aver segnato il 2-2, andò a prendersi il pallone dalle mani di Frey per affrettare i tempi. Non si accontentava del pareggio, voleva a tutti i costi la vittoria. E vittoria è stata. Ma i tre punti col Genoa devono servire da sprono per incassarne tanti altri. Il periodo buio è arrivato e sembra che sia sparito velocemente. La prova del nove ci sarà contro i rossoneri. Certo, non è più la big di una volta visto che sono andati via tanti campioni, ma resta sempre una signora squadra che se non viene affrontata con la massima concentrazione può fare dei brutti scherzi. I tifosi tutto questo lo sanno ed è per questo che sabato sera sosterranno i propri beniamini dal primo all’ultimo minuto. Con la speranza di poter cantare il solito coro al triplice fischio finale.

Tabelloni a led pronti per Napoli Milan

15 novembre 2012
Napoli Club
 
 
Sabato sera gli oltre 60 mila del San Paolo avranno una piacevole sorpresa. Finalmente la società, dopo diversi mesi di trattative estenuanti, ha predisposto tutto il necessario affinché i due display led da tanto tempo promessi, accompagnino gli spettatori per tutta la partita. Uno sarà sistemato nei pressi del settore Distinti e l’altro in tribuna Posillipo. Come appreso dal Corriere dello Sport, arrivano dalla Cina e risultano tecnologicamente i più avanzati, tanto che due esemplari si trovano anche nell’avvenieristico Juventus Stadium. Sono lunghi 16 metri e verranno diretti da una regia sistemata a lato della tribuna con un incaricato della società che diffonderà le notizie provenienti dagli altri campi. Al Napoli sono costati oltre 100mila euro. CanaleNapoli.

13 ^ giornata

 
Bologna-Inter
Livorno-Juventus
Milan-Genoa
Napoli-Parma
Roma-Cagliari
Sampdoria-Lazio
Sassuolo-Atalanta
Torino-Catania
Udinese-Fiorentina
Verona-Chievo

Edicola

                              
 
 
 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy