prossimo incontro

sabato
 
24 novembre 2013
ore 20,30
 
Napoli Stadio San Paolo

classifica

 
Roma 32
Juventus 31
Napoli 28
Inter 25
Fiorentina 24
Verona 22
Genoa 17
Lazio 16
Atalanta 16
Milan 13
Parma 13
Udinese 13
Cagliari 13
Torino 12
Livorno 12
Bologna 10
Sassuolo 10
Sampdoria 9
Catania 9
Chievo 6

Serie A 2013-2014

chi sarà il nuovo tecnico?

13 maggio 2013
Napoli Club

Panchina Napoli: Montella-Allegri-Guidolin-Mancini, il poker è servito

 
La stampa sportiva campana si dice sicura del fatto che per la panchina del Napoli le prime scelte siano rappresentate da Vincenzo Montella e Massimiliano Allegri, dato che il rapporto tra la società azzurra e Walter Mazzarri destinato ad interrompersi. L'allenatore della Fiorentina, che tanto bene ha fatto non solo in viola ma anche nelle sue precedenti esperienze alla guida di Roma e Catania, sarebbe entusiasta di approdare alla corte di De Laurentiis ma non vuole assumere comportamenti scorretti nei confronti della famiglia Della Valle, che ha creduto e crede fortemente in lui per la rinascita della squadra gigliata. Su questo fronte ci sarebbe dunque da trattare, mentre per quanto riguarda Allegri appare molto probabile il divorzio tra il tecnico livornese ed il Milan, con il quale il feeling è svanito da tempo. Allegri-Napoli sembra fattibile anche solo per una semplice constatazione: in Italia l'unica panchina liberà di una big sarà proprio quella azzurra. Possibili outsider sono Francesco Guidolin, da qualche mese sulla cresta dell'onda in virtù dell'ennesima buona stagione alla guida dell'Udinese, e sorpresa dell'ultimo minuto, Roberto Mancini, che vedrà interrompersi a giorni il proprio rapporto lavorativo con gli inglesi del Manchester City.
 

le pagelle

13 maggio 2013
Napoli Club

Napoli-Siena 2-1

risultato_NapSie

 
  • digg
  •  
  • 1
     
    Share

 

Rosati 5.5: Qualche incertezza di troppo in questa partita, poteva fare di più in termini di posizionamento sul gol subito. D’altronde non è l’unica volta nell’arco dei 90′ che commette un errore di posizione.

Grava 7: Un grande uomo prima di essere un calciatore attaccato alla maglia. Quel “Ti Amo” dedicato al Napoli è una delle scene più commoventi della sua carriera in maglia azzurra. (56′ Insigne 6.5: Entra e, come spesso accade cambia la partita. Bravo a crederci in occasione della rete vittoria di Hamsik, quando con caparbietà ruba palla ad uno stremato Grillo e parte in velocità).

Cannavaro 6.5: Grande prova da parte del capitano. Sempre preciso sulle chiusure ed attento sugli attacchi avversari. Si propone spesso anche in avanti.

Rolando 6: Bravo il portoghese, incerto solo in alcune occasioni. Per il resto dimostra personalità e tranquillità, soprattutto in recupero.

Mesto 6: Buon lavoro sulla corsia di destra, soprattutto in fase offensiva. Forse ha qualche piccola responsabilità sul gol, quando lascia tutto solo Grillo sul suo out di competenza.

Inler 5.5: Partita scialba da parte dello svizzero. Sbaglia molti passaggi e non è veloce a capire il posizionamento dei compagni.

Dzemaili 6: Un moto perpetuo che si propone continuamente in avanti e lotta in fase difensiva. Finale di stagione da incorniciare e da raccontare…

El Kaddouri 6.5: A sorpresa è tra i più attivi in campo. Spunti che lasciano trasparire classe, tecnica e qualità. Colpisce anche una traversa, poi è il Matador a ribadire in rete. (79′ Pandev 6.5: A pochi minuti dalla fine, Mazzarri si affida a lui per cercare il colpo di genio. Pandev lo trova e mette Hamsik nelle condizioni di regalare i tre punti al Napoli con un assist al bacio).

Armero 6: Si propone, ma di meno rispetto alle altre apparizioni. Bene in fase difensiva. I suoi cross in area risultano comunque precisi e pericolosi.

Calaiò 5: Forse emozionato dall’atmosfera del San Paolo o dal fatto che ritrova la sua ex alla prima da titolare con la maglia del Napoli, ma l’arciere appare poco concentrato. Si lascia sempre sorprendere dalla difesa avversaria e dalla trappola del fuorigioco. (63′ Hamsik 7.5: Entra ed accende la luce. E’ l’assoluto leader di questo grande gruppo. La rete che regala la vittoria al Napoli è solo il coronamento di una grandissima stagione).

Cavani 7: E come al solito c’è il suo timbro anche oggi. Trova il gol, ma ne sfiora almeno tre: una traversa, un palo e un miracolo di Pegolo gli negano la gioia della 28^ realizzazione stagionale che però arriva al 74′


 

i numeri

13 maggio 2013
Napoli Club

l'ossessione di Cavani, le promesse di Aurelio, la fuga di Mazzarri e la favola di Grava

 
 

 

Zero alla maledetta regola del debuttante. L’archivio ormai è pieno di calciatori che contro il Napoli siglano la loro prima rete in serie A. Il senese Grillo va addirittura oltre, segnando al suo esordio assoluto nel massimo campionato. Ci sono cose che cambiano e ci sono cose che non cambieranno mai.

Uno come la prima presenza da titolare in campionato per Calaiò. Arrivato come vice-Cavani – un vestito che non ha mai indossato – l’attaccante è finito ben presto ai margini. Mazzarri gli regala una gioia dopo tanto amaro. Probabilmente serve altro, a lui ed al Napoli.

Due i pali colpiti da Cavani nei primi 15’ di gioco. Nella giornata dedicata “agli altri” Edinson proprio non riesce a mandar giù il ruolo di comprimario. Per lui il gol è una missione, una vocazione da seguire anche nel torneo del sabato pomeriggio all’oratorio. Ossessionato.

Tre all’assenza nelle interviste post-gara di Walter Mazzarri. Un siparietto che da troppo tempo si trascina quando la verità e la sincerità sarebbero una via così trasparente da percorrere. Perché scappare?

Quattro come il minuto di recupero in cui Marek Hamsik decide di cambiare la storia di una partita ormai avviata verso il pareggio. Fate undici reti in campionato, fate una continuità impressionante nel corso della stagione. Ma vuoi vedere che è proprio Marek l’unica droga di cui il Napoli non può fare a meno? Dipendenza pura.

Cinque vittorie consecutive per chiudere il campionato. Cinque vittorie consecutive per blindare il secondo posto e guadagnarsi un visto diretto per la Champions League. Ecco a cosa si allude quando si dice “dulcis in fundo…”

Sei di incoraggiamento alla prestazione di Armero. La gara era quel che era, ma dopo aver invocato una sua partenza da titolare per settimane era lecito attendersi di più dal colombiano.

Sette alle parole di Aurelio De Laurentiis nel pre-gara della sfida al Siena. Promesse importanti quelle del patron, che ha parlato di “Squadra forte e voglia di partecipare e vincere la Champions”. Ora, però, bisogna passare dalle parole ai fatti. Il mercato è alle porte...

Otto alla tecnica di Omar El Kaddouri. Il passo e la dialettica con la quale conversa con il pallone sono roba che non possono passare indifferenti, anche in una gara dal basso tasso agonistico. Il talento è puro e probabilmente aveva bisogno di sentire maggiore fiducia da parte del tecnico. Non è mai troppo tardi…

Nove al bilancio casalingo stagionale dove il Napoli ha raccolto più di chiunque. Sono 46 i punti collezionati al San Paolo, frutto di quattordici vittorie, quattro pareggi ed una sola sconfitta. I tifosi azzurri sono davvero un’arma in più di questa squadra.

Dieci alla scelta di affidare la fascia di capitano a Gianluca Grava alla sua ultima in azzurro. In un mondo dove crollano tutte le certezze, la riconoscenza è qualcosa che non può essere messa nel cassetto per chi ha rappresentato l’idolo degli sfavoriti, di quelli che devono metterci il triplo dell’impegno per arrivare. Una bella storia da raccontare. Grazie Gravatar.

le pagelle

8 maggio 2013
Napoli Club

le pagelle

 

De Sanctis 6,5 - Attento sulle tante punizioni velenose di Diamanti che prova il tiro da qualsiasi posizione. Indemoniato rimpresa i suoi quando concedono troppo. E' tornato una sicurezza per il reparto arretrato.

Rolando 6,5 - Mostra tutta la sua personalità in fase d'impostazione. A sorpresa si sgancia sull'out destro in qualche circostanza e domina sul gioco aereo.

Cannavaro 6,5 - Attento nel chiudere su Gilardino. Sulle palle alte non concede nulla.

Britos 6 - Si lascia sorprendere a fine primo tempo lasciando a Gilardino un comodo colpo di testa. Non commette però grosse sbavature.

Maggio 6 - In fase difensiva concede poco, corre tantissimo ma non riesce a sfondare sull'out destro. Qualche pallone al centro, ma calibrato male.

Behrami sv - Si esalta nella lotta a centrocampo, ma poi deve alzare bandiera bianca per infortunio (dal 21' Inler 5,5 - Fatica ad entrare in partita. Perde qualche pallone di troppo e in fase di possesso si limita a girare palla)

Dzemaili 7 - Corre per due, non si tira indietro quando si tratta di impostazione l'azione ed accompagna sempre l'azione, come in occasione del terzo gol quando si inserisce nell'azione di Cavani.

Zuniga 7 - Nel primo tempo è il più attivo dei suoi. Quando parte lascia sul posto l'avversario, si accentra spesso tagliando a due la difesa rossoblù.

Hamsik 7 - Nel primo tempo sbaglia diversi suggerimenti e sembra abbastanza spento. Nella ripresa sblocca il risultato ed accende più volte la luce con le sue invenzioni (dal 32'st El Kaddouri 6  - Entra subito in partita servendo un buon pallone a Cavani che calcia male)

Insigne 6,5 - Non sempre nel vivo del gioco, ma riesce a dialogare bene con i compagni. Bellissimo l'assist con cui lancia Cavani che si procura il rigore e chiude la partita (dal 24'st Pandev 6,5 - Entra subito in partita e regala alcune giocate d'alta scuola)

Cavani 7 - Nel primo tempo taglia a fette la difesa del Bologna ma calcia di poco a lato. Nella ripresa si procura il rigore e realizza il gol della tranquillità. Solita partita a tutto campo ed i suoi numeri sono sempre più da alieno.

Mazzarri 8 - La squadra raggiunge la qualificazione ai gironi di Champions con due giornate d'anticipo. Nonostante un Bologna agguerrito come non mai, gli azzurri rispondono colpo su colpo e nella ripresa spazzano via i rossoblù con una prova sontuosa. Nel finale concede minuti anche ad El Kaddouri e, probabilmente, senza il cambio forzato di Behrami avrebbe esordito anche Radosevic. Il Napoli viaggia verso record impensabili e da questa sera è anche il miglior attacco del campionato.

13 ^ giornata

 
Bologna-Inter
Livorno-Juventus
Milan-Genoa
Napoli-Parma
Roma-Cagliari
Sampdoria-Lazio
Sassuolo-Atalanta
Torino-Catania
Udinese-Fiorentina
Verona-Chievo

Edicola

                              
 
 
 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy