prossimo incontro

sabato
 
24 novembre 2013
ore 20,30
 
Napoli Stadio San Paolo

classifica

 
Roma 32
Juventus 31
Napoli 28
Inter 25
Fiorentina 24
Verona 22
Genoa 17
Lazio 16
Atalanta 16
Milan 13
Parma 13
Udinese 13
Cagliari 13
Torino 12
Livorno 12
Bologna 10
Sassuolo 10
Sampdoria 9
Catania 9
Chievo 6

Serie A 2013-2014

Rafa Benitez il nuovo allenatore del Napoli

29 maggio 2013
Napoli Club

Dopo un’attesa snervante finalmente l’annuncio: è proprio Rafa Benitez il nuovo allenatore del Napoli. Un colpaccio del presidente De Laurentiis

Ranking Uefa spada di Damocle

26 maggio 2013
Napoli Club
Ranking Uefa spada di Damocle per i club italiani. Napoli in quarta fascia per sorteggio champions

logo_champions

Il Napoli si appresta ad iniziare l’avventura champions, ma la strada è tutt’altro che in discesa. Purtroppo l’ultima deludente prestazione nell'Europa League ha ridotto il ranking Uefa della società partenopea. A questo bisogna poi aggiungere che l’Italia, ampiamente a distanza dalla Spagna e dalla Germania, si vede insidiata il terzo posto dall’avanzata continua del Portogallo. 

Purtroppo il Napoli, nella prossima champions, pagherà la scellerata scelta di puntare al campionato e snobbare la Uefa League, culminata con la cocente eliminazione ad opera del Viktoria Plzen, dopo aver centrato per il rotto della cuffia la qualificazione in un girone eliminatorio – tutt’altro che difficoltoso – affrontato con superficialità dallo staff tecnico e della società.
Questo comporterà che la società partenopea, al 46° posto nel Ranking Uefa con il coefficiente di 46,829, così come nell’edizione 2011-12, sarà inserita in quarta fascia e tutti sappiamo come finì all'epoca il sorteggio. Il girone del Napoli – composto da Bayern Monaco, Villarreal e Manchester City – fu soprannominato “girone della morte” e solo le prestazioni sopra le righe dei partenopei ne permisero il superamento.
E' bene quindi comprendere che anche quest'anno, per il Napoli, non sarà facile districarsi, perché essere in quarta fascia è sinonimo di difficoltà. Certamente nessun’altra squadra sarà felice di avere il Napoli come “Cenerentola” del gruppo, perché ovviamente la squadra azzurra “Cenerentola” non è. Di contro, il dover affrontare impegni ad alto livello, giocoforza comporterà difficoltà anche in campionato, o almeno questo era il Mazzarri-pensiero. Chissà invece che, con un allenatore di spessore internazionale in panchina (ogni riferimento a Rafa Benitez non è puramente casuale), ciò sia uno stimolo, piuttosto che un freno, per la compagine partenopea.
Ma se l’obiettivo di partenza del Napoli nella massima competizione europea è soprattutto quello di far bene e di accrescere la propria “statura” internazionale, non altrettanto si può dire del movimento calcistico del Belpaese. Purtroppo il ranking Uefa è come una spada di Damocle che pende sul calcio nostrano e le dèfaillance delle nostre squadre in campo europeo hanno contribuito a renderlo un problema serio piuttosto che uno spauracchio, com’era considerato qualche anno fa.
Fin dalla prossima stagione, infatti, il rischio di essere superati diverrà ancor più concreto perché non sarà più calcolata la stagione 2008/2009, tra le ultime favorevoli al movimento calcistico italico. Nulla di allarmante – in senso lato – perché l’eventuale perdita di posizione non modificherà il numero di squadre iscrivibili né le modalità di accesso.
Il problema, invece, sarebbe continuare con questo trend negativo, tenuto conto dell’ascesa in campo internazionale dei club francesi (PSG) oppure dei club dei paesi dell’est Europea (Russia ed Ucraina su tutte). Nazioni che seguono a ruota l’Italia ed il Portogallo. Un’ulteriore discesa nel ranking sarebbe disastrosa per i club italiani soprattutto dal profilo economico, poiché è cosa risaputa che la partecipazione alla champions garantisce, sia direttamente che indirettamente, sostanziose entrate di denaro extra, come il Napoli stesso ha già avuto modo di sperimentare.
Non per essere pessimisti, ma l’andamento degli ultimi anni ed il ranking Uefa sono lo specchio fedele dell’inadeguatezza gestionale dell’ “industria calcio” italina, oltre che della poca lungimiranza dei nostri club (e dirigenti) nell’affrontare le competizioni internazionali. Basta analizzare il cammino del Napoli quest’anno in Europa League per averne conferma.
In Italia c’è una strana avversione per l’Uefa League, un’avversione che ha qualcosa di comico poiché si lotta per un intero campionato per ottenere la qualificazione alla competizione e poi si snobba l’impegno nella stagione successiva. Ciò, comunque, anche per un certo provincialismo delle nostre squadre di club che preferiscono un secondo oppure un terzo posto in campionato (ovviamente finalizzato alla partecipazione champions dell’anno successivo) piuttosto che impegnarsi al massimo per vincere un trofeo internazionale.
Ovvio che le colpe vanno equamente distribuite anche con la Uefa che si ostina a voler mantenere le due competizioni piuttosto che modificarne gli assetti e favorire lo spettacolo. Così come – bisogna dargliene atto – da tempo auspica il presidente De Laurentiis, che di certo è in buona compagnia.
Tuttavia, in attesa che il gigante europeo apra finalmente gli occhi, è lecito sperare che il sistema calcio in Italia sappia fare qualcosa di diverso rispetto agli ultimi anni, riformandosi dall’interno ed in maniera profonda affinché il ranking Uefa non diventi ulteriormente penalizzante per la crescita dei nostri club.

Benitez-Napoli

20 maggio 2013
Napoli Club

Pedullà: "Benitez-Napoli, fumata bianca vicina! De La sistema i dettagli, pronto il contratto"

 
 

De Laurentiis è a Londra per chiudere con Rafa Benitez, ad aggiornare la situazione ci ha pensato l’esperto di mercato Alfredo Pedullà attraverso il proprio sito: “Oggi doveva essere il giorno della fumata bianca, come vi abbiamo raccontato ieri. E la fumata è vicina. Rafa Benitez viaggia verso il Napoli: ormai è lui la guida scelta da De Laurentiis per la sostituzione di Mazzarri. Blitz a Londra, stanno per essere sistemati gli ultimi dettagli. Dopo tanti nomi fatti, alcuni a sproposito, la selezione è stata fatta. De Laurentiis ha proposto a Rafa lo stesso contratto che aveva sottoposto a Mazzarri, incassando un netto rifiuto. Tre anni secchi. Può darsi che Benitez firmi un biennale con opzione per un'altra stagione. Aspettando il tweet di De Laurentiis, ormai il quadro è chiaro: siamo in dirittura”.

 

ultima di campionato

18 maggio 2013
Napoli Club
38RomNap
 
 
 
 
 
 

13 ^ giornata

 
Bologna-Inter
Livorno-Juventus
Milan-Genoa
Napoli-Parma
Roma-Cagliari
Sampdoria-Lazio
Sassuolo-Atalanta
Torino-Catania
Udinese-Fiorentina
Verona-Chievo

Edicola

                              
 
 
 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy